Avrei voluto un padre

Anti-festa del papà.

le parole creano mondi

image

Avrei voluto un padre,

che mi avesse insegnato qualcosa,

che mi avesse incoraggiato,

che mi avesse indicato una strada,

non dico LA strada, ma UNA,

che mi avesse seguito negli studi,

che avesse giocato con me,

che si fosse lasciato prendere in giro,

che mi facesse vincere a braccio di ferro,

che mi avesse insegnato ad andare in bicicletta,

a tirare i rigori,

a farmi la barba,

a trattare, a parlare con le persone,

che mi rimboccasse le coperte,

che si alzasse per primo alla mattina

e che andasse a letto per ultimo la sera,

che si svegliasse per me a qualsiasi ora,

per qualsiasi motivo, anche il più leggero,

che si preoccupasse per la mia vista, per i miei denti,

per i miei compiti, i risultati a scuola,

che sapesse porsi e confrontarsi

non soltanto con gli altri papà e mamme,

ma anche con maestri e professori,

un papà…

View original post 676 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...