Questo libro è (un po’) gay.

Amiche e amici, come state? Io bene, anche se per ragioni legate alle consegne da fare (sto scrivendo e chi scrive ha le scadenze, come l’Imu, la Tari o le mozzarelle) ho un mal di testa che mi acceca. Mi rammenta di quella volta che a scuola avevo una forte emicrania. Il mio prof di religione intanto diceva che l’omosessualità è una malattia, al che io gli chiesi se potevo andare a casa perché mi sentivo un po’ gay. Disse di no. A proposito di questioni di genere e di studenti: oggi vi segnalo il saggio di Juno Dawson, Questo libro … Continua a leggere Questo libro è (un po’) gay.

Supercazzola borderline

image

Caro McKenzie, ci sono più livelli cognitivi – lo sai, mi flippo spesso su questa storia dei livelli, da quando i primi Freud, i Joyce, gli Svevo, le Woolf, i Piovene, i Berto, i Faulkner, i Pirandello e gli altri – e questi si intersecano spiralitosi, confondendo le percezioni sensoriali vere e proprie con quelle derivanti dalle esperienze personali individuali e quelle delle conoscenze e insieme danno vita ai collaudati e caotici, normalmente senza troppo capo né coda che tanto hanno fatto godere strizzacervelli e strozzapreti allo stesso tempo e in modi diversi, “Flussi di coscienza”, (…) per riuscire (o dovere riuscire) a trovare un senso a quello che un senso non ha: giustificare, ad esempio, certi atteggiamenti borderline (termine – che bello – abusato, che sta ad indicare tutto quello che NOI percepiamo come al limite dell’accettabile, dello “standard”, in positivo o negativo), certi sogni borderline. E certi post in certi blog (blog > blob). Che può essere tutto e può essere niente. Tutto e niente. Appunto: border

Continua a leggere “Supercazzola borderline”