L’amore sgamato (“Aime-moi, l’amour putain!”)

dav

STORIFICATIO.

Per chi ha la pretesa di raccontare storie, basta molto poco per essere felici: un libro tutto sottolineato e appuntato che qualcuno ha lasciato in biblioteca; una mattina all’ufficio postale che si tramuta da tragedia in farsa; attendere il primo aereo che parte in mezzo a una comitiva di palermitani, per esempio. Oggi la mia felicità consiste nell’aver ritrovato, incastrato nel tavolino apri-e-chiudi del sedile dell’aereo, un borsello piatto, di questi porta documenti. Ovviamente la mia cupidigia e povertà mi hanno fatto sperare in qualche grasso mazzo di banconote che qualcuno aveva nascosto per magnanimità verso ignoti. Invece (faffanculo, ndr) apro e trovo tanti fogli: prenotazioni (e istruzioni) in francese di volo, bus navetta, hotel e facilities che una giovane coppia di Le Havre ha dimenticato. Un viaggio a Venezia, un hotel anche bello, al Castello. Una doppia deluxe (surclassement specificato), drink di benvenuto, tutti i trasporti, visita a Murano nonché charming dinner (che, immagino, sia roba buona). Parigi – Venezia. Dal 15 al 18 settembre (alcuni dati sono stati modificati per evidenti motivi di privacy). Per chi ha la pretesa di raccontare storie ci sono tutti i numeri per descrivere questa. Ci sono anche i documenti d’identità dei due: lui si chiama Romain, ha 24 anni, lei Lilian ed è appena diciottenne. Ci immaginiamo questi ragazzi pieni di curiosità negli occhi, pieni di gioia, di vigore nelle braccia e nei lombi, e li immagini a mangiarsi la vita, tre giorni a Venezia, giovani e molto belli. C’è anche il biglietto del parcheggio di Beauvais dove sabato hanno parcheggiato (forse una piccola e moderna macchina francese) e, stringendosi le mani tutti eccitati si sono tirati a vicenda verso i gate delle partenze, forse il loro primo viaggio insieme all’estero, forse il loro primo viaggio in assoluto, chi lo sa.
Vado a cercarli su Instagram per dire che ho le loro cose, poverini: ora saranno senza documenti e pagheranno l’iradiddio di parcheggio! (Oh, io sarei impazzito!), ma su Instagram niente, né lui né lei (ma potrebbero essere registrati con dei nick di merda tipo @lebaguettetreschic, @jesuisvolauvant e cose simili. Cerco su Facebook e sì, li trovo, li riconosco dalle foto. Hanno entrambi i profili blindati (sono giovani e riservati, e poi sono francesi, meno spavaldi di noi italiani a mettere in piazza tutti i nostri affari, le nostre opinioni e i consigli non richiesti). Solo che quello che si evince in modo Palese più dell’aeroporto di Bari è che Romain è impegnato con Nadine, mentre Lilian è fidanzata con tale Jean Claude. Sulle prime, sono propenso a credere si tratti di un corno.

Quesito della Susy: che fareste voi, amici miei?

(La risposta non è a pag. 46: dite la vostra! GRAZIE!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...