Come fare per dormire.

Chiedilo a Lamacchia: come fare per dormire.

Apriamo questa rubrica per rispondere di volta in volta alle domande poste dai lettori. Le domande potranno riguardare indifferentemente temi di interesse generale o propri scismi esistenziali. Domande inviate su floppy o supporto cartaceo verranno automaticamente cestinate.

– Caro Lamacchia. Ho un problema di sonno. Tu come fai per dormire? (Daniela)

Ciao Daniela. Semplicemente io non dormo. Non dormo da quando ero piccolo. Intanto vorrei specificare che “dormire” è un’attività di cui vorrei fare volentieri a meno, visto che il tempo a mia disposizione è scaduto, quindi ciao. Però dormire serve, dice, a preservare la memoria a breve termine, allora mi sforzo.

Dicevo?

wpid-screenshot_2015-01-13-05-50-25.png

Non avendo, come gli altri, un normale interruttore ON/OFF devo ricorrere a training autogeno e auto-ipnosi per abbracciare a Morfeo. A meno di “problemi” neuro, psico e altrologici (ovvio) che necessitano di benzodiazepine in consiglio sarebbe quello di ricreare nella vostra testa le condizioni del relax, e quindi del vuoto. Per qualcuno è più semplice, per altri meno.

Come è stato evidenziato dalla Tac, ci sono alcune aree del cervello che si attivano quando pensiamo a determinate cose, esattamente come se le stessimo provando. Quindi, se questo vi può far rilassare, pensate ad una spiaggia tropicale. Più il pensiero è vivido, più sarà efficace, poiché più aree si attiveranno, esattamente come quella volta a Santo Domingo. Immaginate il rumore, il profumo del mare, immaginate il tocco sulla sabbia: più sensi coinvolti, maggiore efficacia. E prendete sonno in un baleno!

Se ti riesci ad addormentarti così è perché sei molto sicuro di te.
Se ti riesci ad addormentarti così è perché sei molto sicuro di te.

Provate ora a immaginare un letto. le lenzuola soffici e profumate di fresco, il caldo avvolgente del piumone e il silenzio totale. Visto?

Personalmente trovo efficaci diversi pensieri autoipnotici, che utilizzo in base alla difficoltà di addormentarmi (in genere ipereccitazione o iperpreoccupazione per pensieri ossessivi dati da emozioni differenti come gioia, ansia, disgustio, paura, sconforto: le solite cose). In genere appena chiudo gli occhi e spengo la luce o viceversa, parte il suono gracchiante e interminabile di una formazione aborigena di didgeridoo e quasi sempre è sufficientemente efficace.

didjeridoo
Se credete che una formazione aborigena di didgeridoo possa essere per voi poco raffinata o riconoscibile, provate a visualizzare questi qua che improvvisano “Strawberry fields forever”

Se non dovesse bastare provo con la visualizzazione di montagne russe: immaginare di girare vorticosamente a testa in giù in uno di questi infiniti roller coaster colorati mi fa perdere i sensi (esattamente come succede nella realtà. Vi racconterò).

Io
Io

Quando nemmeno questo basta e il sonno tarda ad arrivare, chiamo a me il signor Golvo (il nome, di fantasia, è l’abbreviazione di “Golvovic”): uno speaker radiofonico che parla in una lingua balcanica presovietica (che non capisco) fuori da una radio antica di legno a valvole, con tanto di ronzio di fondo. Talmente una palla che, prima o poi, vince lui. La mia arma totale, il mio uomo forte.

(Chiedo scusa a tutti i miei lettori balcanici presovietici, che adoro e che saluto, ma certe loro trasmissioni notturne – comprenderanno – sono una uallera esagerata)

Golvo
Io visualizzo solo la radio con la luce calda delle valvole, ma credo che dall’altra parte ci sia un personaggio grigio e ambiguamente misterioso tipo il capitano Gerd Wiesler

Ricordate: non esiste un metodo efficace in senso assoluto, ma ciascuno può imparare il suo. Provate, provate a prenderlo come un esercizio: rimarrete stupiti! Spegnete il computer e gli smartphone sin dalla cena o anche prima, bevete una tisana o un latte caldo, fate qualche minuto di yoga, mangiate carboidrati, non mangiate carboidrati, tenete un quaderno sul comodino e scrivete tre cose piacevoli che vi sono capiutate durante la giornata, accoppiatevi con il vostro uomo, o con la vostra donna, o con la vostra “cosa”, o con il vostro personale Golvo, ascoltate musica dolce (con un timer) e leggete, leggete cose belle.

Sogni d’oro!

Michele Lamacchia

Instagram: @leparolecreanomondi

Facebook: Michele Lamacchia ; Le parole creano mondi

mail to: leparolecreanomondi@gmail.com

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...